Pubblicato da: pergenova | 12/12/2010

Inceneritore Brescia, quartiere San Paolo 3,3 Km ….più o meno la distanza inceneretore Scarpino- centro di Genova.

 

Perchè pubblicare questa lettera? Cosa interessa a noi che abitiamo a tanti chilometri di distanza da Brescia?

A parte che dispiace sapere che, comunque viene inquinato l’ambiente e vengono messe a rischio le vite delle persone a qualunque distanza esse siano, inoltre, bisogna ribadire che, tra breve anche a Genova si porrà il problema  di un gassificatore-inceneritore che verrà costuito a Genova-Scarpino (sopra Borzoli-Sestri Ponente), che sarà pericoloso per la salute di tutti i Genovesi, sia in maniera diretta, cioè respirandone i fumi (nanopolveri)”ricchi”di sostanze inquinanti, sia attraverso l’acqua, infatti Scarpino è a pochi kilometri dagli invasi del Gorzente e della Busalletta ed anche attraverso i prodotti dell’agricoltura ,in quanto tra le sostanze venefiche rilasciate dall’inceneritore c’è la diossina che si deposita nel terreno.

Come si vede nella foto, il gassificatore-inceneritore sarà a circa 5 Km dal centro di Genova, ma poco più di 2 da Sestri Ponente, Pegli, Rivarolo, PonteX ecc.. tutte zone densamente abitate.

Genova non ha ancora un impianto del genere,facciamo in modo che non si costruisca mai più!

Paola Canepa

………………………. 

I t(u)imori di Brescia

Francesco Vassallo scrive su Brescia Oggi. Il suo articolo è del 4 dicembre scorso e racconta dell’emergenza sanitaria che sta vivendo la popolazione di un quartiere di Brescia, San Paolo, dove ci si ammala e si muore di più per malattie respiratorie e per alcuni tumori.

La notizia era arrivata la scorsa estate e per i bresciani era stata una doccia fredda.

Dopo i dibattiti e le polemiche, le accuse incrociate alle realtà produttive, alle discariche, al traffico di autostrada e tangenziale che penalizzano San Paolo, è tempo di cominciare ad indagare sul perché di numeri e dati tanto discordanti dal resto della città.

E noi oggi guardiamo con attenzione alla piantina della città scoprendo che il quartiere di San Polo dista dal forno inceneritore “più bello del mondo” solo 3 km, come si vede dall’immagine allegata.

A Brescia oggi inizia l’indagine sulle malattie respiratorie nella popolazione infantile, promossa dall’Asl di Brescia con la collaborazione delle scuole primarie e secondarie di primo grado pubbliche e paritarie della città: nei primi sette istituti che hanno aderito all’iniziativa sono stati distribuiti 600 questionari rivolti ai genitori dei bambini dai 6 ai 14 anni, la fascia di età che si intende analizzare.

Studiare i bambini, perché stanno male.

Il questionario, composto da 60 domande a risposta multipla, viene consegnato a scuola agli alunni e richiede la compilazione da parte dei genitori, per comprendere lo stato di salute dei ragazzi e l’eventuale presenza di disturbi respiratori, altre patologie o allergie, le abitudini quotidiane, il luogo in cui vivono e le caratteristiche dell’abitazione.

L’Asl ha invitato a partecipare tutte le 80 scuole primarie e secondarie di primo grado della città, e da gennaio l’indagine partirà in un altro gruppo di istituti. L’obiettivo è raccogliere 2 mila questionari nelle scuole di San Polo, da confrontare con altri 2 mila questionari provenienti dagli istituti di altri quartieri della città, per approfondire se e come l’andamento di disturbi e malattie respiratorie dei bambini di San Polo differisca dai coetanei che abitano in zone diverse, e quindi se esistono peculiari fattori di rischio a San Polo rispetto al resto della città.

Abitare in un luogo oppure in un altro, stessa città, stesse abitudini. E’ l’impronta ambientale, il sigillo delle polveri sottili. Sarà anche Parma così? Abitare a Ugozzolo porterà vantaggio, come sosteneva nonno Allodi, o sarà meglio emigrare?

Lo studio, interamente finanziato dall’Asl, costerà 90 mila euro e richiederà alcuni mesi per essere completato con l’elaborazione dei dati. L’analisi sulla popolazione infantile rappresenta il proseguimento dei due studi realizzati dall’Asl sui dati relativi agli anni 2004-2008, da cui era emerso a San Paolo un tasso superiore di mortalità e ricoveri rispetto alla media urbana per alcune patologie come le malattie respiratorie non oncologiche (bronchiti acute, faringiti, laringiti, polmoniti, Bpco, asma, causa del 20-30 per cento in più di ricoveri nelle diverse fasce di età) e i tumori alla vescica e al fegato.

Oggi Brescia, domani Parma. Ci stiamo costruendo da soli il nostro destino.

Lo possiamo cambiare se ci fermiamo, subito.

Possibile che i nostri amministratori siano tutti ciechi e sordi?

Forse ci sono altri interessi sotto questo business dell’inceneritore, interessi che non si possono raccontare, silenzi da sostenere fino alla fine, che stanno alla base di questa insolita cocciutaggine.

Domani Parma parlerà, rifiutando la fuga dalla realtà e richiedendo a gran voce che per il bene di tutta la comunità l’inceneritore sia fermato. Ora. 

Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma – GCR 

Parma, 10 dicembre 2010

-524 giorni all’avvio dell’inceneritore di Parma, ORA lo possiamo fermare.

+182 giorni dalla richiesta a Iren del Piano Economico Finanziario del Pai, forse perché l’inceneritore costa 315 milioni di euro?


Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie