Pubblicato da: pergenova | 23/01/2011

Comunicato. Parco Acquasola: il punto della situazione.

PARCO ACQUASOLA : IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

ALLA LUCE DELLE DIS-INFORMAZIONI CHE CIRCOLANO E DEL COMPORTAMENTO ONDIVAGO DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE RITENIAMO
OPPORTUNO SOTTOLINEARE:

NON E’ VERO CHE IL PARCO SIA SALVO: LA REVOCA  FINORA NON C’E’ STATA.

Siamo in attesa della convocazione della commissione consiliare che dovrebbe decidere di portare in Consiglio Comunale la delibera di revoca della concessione alla costruzione del parcheggio, ma la riunione di commissione non e’ più stata calendarizzata; intanto, altri 21 alberi sono stati eliminati.
NON E’ VERO CHE IL COMUNE DOVREBBE PAGARE RISARCIMENTI MILIONARI: la revoca e’ contemplata nel contratto stipulato con i costruttori e prevista dalla legge, nel  caso sia utile a tutelare un bene comune, dietro risarcimento  ragionevole, e quindi tutti i consiglieri comunali non dovrebbero aver  timore a votare la delibera di revoca della concessione.
Per una più precisa valutazione dell’equo indennizzo, chiediamo con forza che il Comune ordini all’Impresa di fornire le pezze giustificative delle spese già  effettivamente sostenute.
NON E’ VERO CHE LA PREVISIONE DI VARIANTE DEL PROGETTO, PUBBLICIZZATA IN QUESTI GIORNI DALLA GIUNTA, SALVAGUARDI IL PARCO: il parco non e’ composto da due cedri del libano da inserire dentro un recinto, ma deve essere  salvaguardato nella sua interezza per la tutela della fauna, della flora, della qualità dell’aria, della vivibilità per tutti. Si tratta inoltre di un sito di cui e’stata richiesta con buon fondamento la protezione quale monumento storico. La  variante che ridurrebbe il numero di posti auto non solo non e’ stata  discussa con chi da anni sta difendendo il parco, E CHE NON E’ D’ACCORDO, ma non risulta assolutamente migliorativa rispetto all’ ipotesi iniziale, ne’ sotto il profilo ambientale ne’ sotto quello della mobilità’: IL PARCO DEVE RESTARE INTEGRO, non basta tagliare qualche albero in meno. Il silos va costruito altrove, dove non crei danni irreparabili.
NON E’ VERO CHE CON IL TAGLIO DEGLI ALBERI ORMAI EFFETTUATO NON SI POSSA PIU’ SALVARE IL PARCO: la revoca della concessione potrebbe obbligare la società costruttrice al ripristino dell’ area, con la messa a dimora di alberi di alto fusto.

PER TUTTI QUESTI MOTIVI L’ ” ASSOCIAZIONE COMITATO ACQUASOLA” HA DECISO DI PARTIRE CON LA RACCOLTA DI 6000 FIRME PER UN REFERENDUM CITTADINO, PER  CONOSCERE LA VOLONTA’ DEI GENOVESI SU QUESTO ARGOMENTO.
IL QUESITO E’ GIA’ STATO DEPOSITATO IL 7 DICEMBRE CON LE 50 FIRME DEI PROMOTORI.

LA RACCOLTA DI FIRME UTILI INIZIERA’ APPENA GLI UFFICI COMUNALI DARANNO IL BENESTARE SUL TESTO. AL MOMENTO NON POSSIAMO PROCEDERE IN QUANTO, MALGRADO I TERMINI SIANO STATI SUPERATI, IL COMUNE NON HA ANCORA PORTATO A TERMINE L’ITER BUROCRATICO IMPEDENDO, DI FATTO, AI  CITTADINI  DI ESPRIMERSI TEMPESTIVAMENTE SUL DESTINO DEL PARCO STORICO  DELL’ACQUASOLA, nonostante la partecipazione dei cittadini alle scelte di comune interesse fosse un punto nodale del programma dell’attuale Amministrazione.

Invitiamo quindi la cittadinanza ad appoggiare numerosa il Comitato, costituito da volontari, nella raccolta delle firme, appena ci verrà consentito.

ACQUASOLA, PARCO NON PARCHEGGIO

Comitato Acquasola


Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie