Pubblicato da: pergenova | 18/03/2011

Acquasola. Alcune domande alla sindaco.

In questo baillame di comunicati, controcomunicati, dichiarazioni, mozioni, delibere, sospensive, denunce alla magistratura penale, contabile, amministrativa, sospensioni e continui abbattimenti di alberi forse ci siamo persi un po’ le carte, i documenti. 

Quando nel settembre del 2008 l’attuale Amministrazione ha confermato la concessione dell’area per l’apertura del quartiere la sindaco era informata che: 

1)  L’assegnazione del sito e’ stata fatta a partire da un atto corruttivo passato in giudicato? 

2)  La corte dei conti aveva dichiarato un danno erariale per 10 miliardi a carico degli amministratori che avevano confermato il sito ? 

3)  Che il progettista dell’allora parcheggio all’Acquasola era l’allora architetto e professore universitario Bruno Gabrielli che, diventato assessore all’urbanistica, è stato il maggior artefice dell’accordo tra giunta Pericu e Sistema Parcheggi ? 

4)  Che il progettista del parking è l’architetto Cozzani per lungo tempo collaboratore dello stesso Gabrielli e di sua moglie? 

5)  Che nessuno si è premurato di rilevare la situazione, assolutamente legale, ma certo ambigua sul piano etico visto i precedenti di corruzione su cui il tutto è fondato? 

6)  Che la Provincia di Genova ha nel 2003 con una modifica del Piano territoriale di coordinamento declassato l’area da giardino storico a luogo di sosta e soprattutto chi è che ha fatto questa proposta che ha avuto un ruolo decisivo nell’ottenimento delle varie autorizzazioni, esiste una proposta scritta motivata e firmata di cui lei sia in possesso? 

7)  Su quali documenti e’ fondata la pubblica dichiarazione del vicesindaco Pissarello inerenti un previsto costo di 10 milioni di euro per risarcimenti, fatta a mezzo stampa e senza alcuna indicazione ( almeno pubblica ) della Sistema Parcheggi con un evidente danno erariale a carico dell’Amministrazione in quei momenti in fase di contrattazione con la controparte? 

8)  Su quali documeti è fondata la dichiarazione piu’ recente di 4 milioni di euro da accantonare preventivamente per risarcire dei costi sostenuti dalla Sistema Parcheggi in mancanza di alcuna certificazione dei costi sostenuti ad oggi , anche in questo caso fondamentale per la delibera d’indirizzo del Consiglio Comunale ? 

9)  Quale è il suo parere sulla lettera fatta pervenire a tutti i consiglieri comunali dalla Sistema Parcheggi ( in coincidenza col previsto voto sulla delibera di revoca ) in cui si asseriva la possibilità di risarcimenti a carico dei singoli consiglieri che avessero votato la revoca, questione su cui ne gli uffici legali, ne la Presidenza del Consiglio Comunale, ne la sua Amministrazione si sono espressi ( ne nel merito, ne nel metodo ) ? 

10)  E’ in possesso di un parere giuridico da parte degli uffici legali che attestino le ragioni della non percorribilità della opzione “risoluzione del contratto” come richiesta dalle associazioni ambientaliste al tar e respinta per difetto di rappresentativita’ dal Consiglio di Stato che ha espressamente indicato trattarsi di questione urbanistica ( quindi di competenza dell’Ente ), operazione che venendo incontro alla mozione d’indirizzo del Consiglio Comunale si tradurrebbe in una soluzione a ” costo zero “? 

11)  E’ a conoscenza dei dati statistici relativi al trapianto di alberature come previsto dalla Sistema Parcheggi che assegnano una previsione del 60% di risultati positivi ( con la certa perdita del 40% delle alberature trapiantate ). La commissione apposita di esperti ne ha fatto cenno nella sua relazione? 

12)  E’ consapevole la Sindaco che i tempi definiti per la manutenzione a carico della Sistema Parcheggi dell’area del Parco-Parking sono estremamente ridotti e che per il proseguio i costi saranno a carico del Comune? 

13)  E’ noto alla Sindaco che sempre per contratto è prevista una nuova modifica dell’area con scoperchiamento del tetto a fine di manutenzione, operazione che impedirà di fatto il ripristino dell’area storica quo ante e che il parere positivo dei tecnici, delle commissioni, degli enti di tutela non hanno minimamente posto vincoli a garanzia del ripristino dell’area nella sua conformazione storicamente determinata? 

14)  E’ consapevole la Sindaco che nel corso dei lavori previsti per il parking l’evidente impraticabilita’ dell’area (pur nella sua forma parzialmente aperta) per bambini e anziani in cerca di aria buona e silenzio creera’ un danno molto significativo a centinaia di persone che potranno chiedere risarcimento all’Ente? E quale è la cifra che gli uffici legali propongono di accantonare a bilancio? 

15  )Esiste una motivazione scritta da parte degli uffici perche’ l’Amministrazione non ha affiancato come suo diritto le associazioni ambientaliste nelle loro denunce penali e contabili? 

Nel confermare la mia personale convinzione della sua sincera presa di posizione a favore del Parco Acquasola la ringrazio preventivamente per le risposte che mi dara’ e per le azioni di tutela che intraprendera’ in ogni sede. 

Andrea Agostini, Legambiente Genova

 


Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie